Stampa pagina

Colle della Maddalena: gestione del rischio valanghivo

ultimo aggiornamento: 01/04/2021
settore: Trafori e valichi

Descrizione Progetto

Il Colle della Maddalena (Col del Larche in francese) è un valico alpino situato a 1996 m s.l.m. situato nelle Alpi Occidentali (separa le Alpi Marittime dalle Alpi Cozie) e unisce la valle Stura di Demonte, nel cuneese, con la val d’Ubaye, nella Regione francese Provence- Alpes- Côte d’Azur. A causa dell’orografia dei luoghi il tratto della SS21 “del Colle della Maddalena” è soggetto a frequenti fenomeni valanghivi, nella stagione invernale, che comporta la chiusura del valico.

Soggetti coinvolti

ANAS S.p.A., Regione Piemonte, Provincia di Cuneo, Unione montana Valle Stura, Comune di Argentera.

Cronoprogramma

2019
---
2020
---

Copertura finanziaria

  • Disponibili 0 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 0 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Opera completata

Progettazione

Nel 2012 la Provincia di Cuneo ha elaborato un Piano di Intervento per il Distacco Artificiale delle Valanghe (PIDAV) che è stato reso operativo a partire dall’inverno 2014 al fine di limitare la durata dei periodi di chiusura del valico al traffico.

Dopo quattro stagioni di sperimentazione del PIDAV, la Regione ha acquisito lo studio della Provincia di Cuneo condividendo -con ANAS, la Provincia di Cuneo, l’Unione Montana Valle Stura (oggi Comunità Montana) ed il Comune di Argentera - le prospettive di miglioramento della fruibilità invernale del valico derivanti dall’applicazione del PIDAV.

Il 14/12/2018, con DGR n. 69-8123, è stato approvato il “Progetto sperimentale di azioni e monitoraggio al fine di mitigare il pericolo valanghe al valico del Colle della Maddalena” per l’anno 2019 che prevede l’attuazione di interventi che consistono nell’effettuare, tramite un’apposita campana (DaisyBell) montata su elicottero, esplosioni che provocano il distacco controllato delle formazioni nevose ritenute pericolose. Insieme al progetto sperimentale è stato approvato lo schema di “Convenzione tra Regione, ANAS, Provincia di Cuneo, Unione Montana Valle Stura e Comune di Argentera, contenente le modalità di attuazione del progetto.

Con DGR n.15-772 del 20/12/2019 è stato confermato l’impegno anche per il 2020 con la previsione di due fasi operative: dal 1° gennaio al 31 maggio 2019 e dal 15 ottobre al 31 ottobre 2020.

Costo dell'Opera

103.800

Dettaglio Costi

Il costo delle attività previste per la stagione 2020 è pari a 103.800 € interamente a carico di ANAS S.p.A.

 

Finanziamenti disponibili

103.800

Dettaglio Finanziamenti

Nel giugno 2019 l’approvazione del progetto RISK(S) nell’ambito del Piano Integrato Territoriale “Terres Monviso” del Programma ALCOTRA 2014-2020 (presentato dalla Regione Piemonte insieme ad altri partner italiani e francesi), permetterà di attuare il PIDAV da parte dell’Unione Montana in qualità di soggetto attuatore della Regione Piemonte per tre stagioni, a partire dal 2020/2021. La stagione 2019/2020 rappresenta quindi un periodo di transizione da una gestione cofinanziata da ANAS S.p.A. e Regione Piemonte ad una cofinanziata da fondi europei.