Stampa pagina

Strada Statale del Lago Maggiore e galleria di Verbania e di Cannero

ultimo aggiornamento: 01/04/2021
settore: Viabilità

Descrizione Progetto

I progetti riguardano alcune zone del verbanese e si resero necessari per via delle numerose chiusure causate da frane e cedimenti che si verificarono a più riprese nel 2000, 2009, 2014 e 2017. Oltre agli interventi sul fronte di montagna sulla SS34, nel 2000 fu ipotizzata la realizzazione delle due gallerie by pass di Cannobio e Cannero Riviera con lo scopo di alleggerire il traffico veicolare nei due centri abitati.

I tunnel andavano a inserirsi in un progetto che in precedenza aveva sfiorato l’idea di una nuova strada a mezzacosta e in ogni caso in uno più vasto che comprendeva la realizzazione di altre circonvallazioni prevedendo la realizzazione di quella di Verbania, un viadotto tra Gravellona e Fondotoce e il completamento della variante di Omegna con la costruzione della galleria del Bocciol. Quest’ultima fu l’unica ad essere realizzata, nel giugno 2014, dopo otto anni dall’apertura del cantiere.

Tra il 2002 e il 2004 furono stimati in 40 mln di euro i costi per la messa in sicurezza della SS34 quando venne presentato uno studio preliminare, inserito nel piano pluriennale delle opere Anas, che comprendeva la realizzazione delle gallerie, ma nel 2005 il progetto fu abbandonato per alcune criticità di ordine politico. Con la frana del novembre 2014 il progetto fu ripreso in mano e a fine novembre era arrivata la notizia dello stanziamento di 1,7 milioni per la messa in sicurezza della SS34 nel tratto tra Cannero e Cannobio inseriti nel “Patto per il Piemonte” finanziato dal governo.

Nel 2018 è stato firmato il Protocollo di Intesa tra la Regione Piemonte, Anas S.p.A., l’Unione del Lago Maggiore e i Comuni di Cannobio, Cannero Riviera, Oggebbio, Ghiffa e Verbania per procedere alla realizzazione dei primi interventi di mitigazione del rischio idrogeologico e di messa in sicurezza dei versanti lungo la S.S. 34 “del Lago Maggiore”, dal Confine di Stato a Ghiffa, tramite redazione di rilievi geomatici delle aree, degli studi, delle indagini sull’assetto geomorfologico dei versanti e dei progetti interessanti i tratti della SS 34 del Lago Maggiore, dal confine di stato in Comune di Cannobio, fino a Ghiffa.

Con la firma del Protocollo, la Regione, anche per tramite dell’Unione dei Comuni, si è impegnata ad effettuare studi geomorfologici dei versanti – ad esclusione dei tratti dove sono previste le gallerie la cui progettazione sono in capo ad ANAS – e a progettare e realizzare gli interventi per la loro messa in sicurezza, con reti paramassi, disaggi pilotati ed altre opere necessarie.

Anas Spa si occupa dello studio geomorfologico del versante in corrispondenza delle gallerie paramassi, i relativi progetti e la realizzazione delle due gallerie paramassi, di cui la prima a realizzarsi è quella tra Cannobio e Cannero-Riviera dove è caduta la frana nel 2017.

Soggetti coinvolti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Ministero dell’Economia e della Finanza, Regione Piemonte, Provincia del Verbano Cusio Ossola, Comune di Verbania, ANAS S.p.A.; Unione del Lago Maggiore, Comune di Cannobio, Comune di Cannero Riviera, Comune di Oggebbio, Comune di Ghiffa.

Cronoprogramma

---
Avvio della prima fase dei lavori che si dovrebbe concludere nel 2021
2021
in linea col programma

Copertura finanziaria

  • Disponibili 60 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 0 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Progetto esecutivo/Appalto in corso

Progettazione

Il 16 aprile 2020 la Corte dei Conti e il MEF hanno registrato due convenzioni tra Regione Piemonte e Ministero delle Infrastrutture che attribuiscono i primi 25 mln di euro provenienti dal FSC 2014-2020.

Nelle convenzioni sono contenuti gli interventi necessari, ovvero:

  • consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi in località Carmine e Puncetta a Cannobio;
  • realizzazione della galleria para massi a sbalzo in località Formine, a Cannobio;
  • consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi nelle frazioni Donego e Oggiogno a Cannero Riviera;
  • consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi in località Molinetto a Cannero Riviera;
  • consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi in località Piancassone e Cheggio a Cannero Riviera;
  • consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi in località Ronco a Ghiffa dal costo di 2,2 milioni di euro;
  • consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi nel comune di Ghiffa al confine con Oggebbio;
  • consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi in frazione Novaglio a Oggebbio.

Costo dell'Opera

60.000.000

Dettaglio Costi

Con la firma del protocollo sono stimati in 60 mln di euro i costi complessivi articolati come segue:

  • messa in sicurezza dei versanti (investimento previsto di 25 mln);
  • realizzazione di due gallerie paramassi (investimento previsto di 27 mln);
  • ulteriori interventi di messa in sicurezza (investimento previsto di 8 mln).

In particolare si stimano i seguenti costi:

  • 4,8 milioni di euro: consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi in località Carmine e Puncetta a Cannobio;
  • 2,5 milioni di euro: realizzazione della galleria para massi a sbalzo in località Formine, a Cannobio;
  • 1,4 milioni di euro: consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi nelle frazioni Donego e Oggiogno a Cannero Riviera;
  • 1,7 milioni di euro: consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi in località Molinetto a Cannero Riviera;
  • 4,5 milioni di euro: consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi in località Piancassone e Cheggio a Cannero Riviera;
  • 2,2 milioni di euro: consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi in località Ronco a Ghiffa;
  • 1,3 milioni di euro: consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi nel comune di Ghiffa al confine con Oggebbio;
  • 3 milioni di euro: consolidamento dei versanti con difese attive e passive, la pulizia e il taglio selettivo di alberi in frazione Novaglio a Oggebbio.

Finanziamenti disponibili

60.000.000

Dettaglio Finanziamenti

Le risorse finanziarie per la copertura del costo complessivo di 60 milioni sono:

  • 25 mln da FSC 2014-2020 (Delibera CIPE 98/2017) disponibili in favore della Regione Piemonte e da impegnare entro il 31/12/2021;
  • 35 mln dalla rimodulazione del Contratto di Programma ANAS/MIT 2016-2020 sottoscritto in data 22.12.2017 e approvato il 27.12.2017 nella quale si prevede di inserire interventi di potenziamento e riqualificazione della SS 34.

Criticità

Politiche

In relazione alle gallerie by pass, il Comune di Cannobio era propenso a un’opera alleggerisse gli abitati dal passaggio del traffico veicolare. Non tutte le amministrazioni comunali interessate furono però concordi: netto fu il dissenso delle associazioni ambientaliste e numerose le proteste degli abitanti con terreni che sarebbero stati espropriati e qualche casa che avrebbe dovuto essere abbattuta. Tutto si travasò in una petizione che fece perdere le tracce dell’ipotizzata opera. Nel 2005 con il cambio in Regione il progetto venne abbandonato.