Stampa pagina

Ferrovia Biella- Novara: riqualificazione

ultimo aggiornamento: 01/12/2020
settore: Ferrovie

Descrizione Progetto

La Biella – Novara è una linea ferroviaria inaugurata nel 1939 che dagli anni ’60 venne incorporata nella rete statale e il cui esercizio fu assunto dalle Ferrovie dello Stato che procedettero ad un parziale rinnovo dell’armamento.

Agli inizi degli anni Duemila la gestione fu affidata a Rfi e ad oggi si configura come una ferrovia a binario semplice non elettrificato e ordinario lunga complessivamente 50,8 km. Lungo il tracciato sono presenti 3 stazioni di incrocio, con più binari: Cossato, Rovasenda, Casaleggio Novara. I treni possono raggiungere una velocità massima di 85 km/h a causa della tortuosità del percorso e alla presenza di numerosi passaggi a livello. Il tempo di percorrenza su questa linea varia da 45 a 65 minuti. Il peso assiale su questa tratta è di 18 ton/asse.

A causa della mancanza dei dovuti ammodernamenti, sia sulla linea Biella- Novara, sia sulla linea Biella- Santhià, il territorio biellese si trova in una situazione di forte criticità che la rende di fatto l’unica Provincia piemontese a non avere collegamenti diretti verso le aree metropolitane di Torino e Milano. Inoltre vi sono diversi malfunzionamenti dovuti alla mancata razionalizzazione dei passaggi a livello che causano interruzioni di servizio e ritardi su entrambe le linee.

Soggetti coinvolti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, RFI, Regione Piemonte, Provincia di Biella, Unione Industriale Biellese

Cronoprogramma

---
Necessaria la revisione del progetto
---
in ritardo

Dettagli prossima fase

Reperimento dei restanti 27 mln di euro nell’ambito dei Fondi Strutturali o dei Fondi di Sviluppo e Coesione. Le fasi operative degli interventi prevedono, al termine della progettazione esecutiva, l'approvvigionamento dei materiali, i lavori e le seguenti verifiche con i collaudi. I lavori prevedono anche la soppressione progressiva di 16 passaggi a livello.

Copertura finanziaria

  • Disponibili 5 Milioni di €
  • Non ancora disponibili 27 Milioni di €

Stato di avanzamento del progetto

Stato Progettazione

Progetto preliminare

Progettazione

Nel settembre 2015 si è svolto un summit tra la Regione Piemonte e una delegazione del biellese - composta dal sindaco del comune di Biella, dal presidente della provincia di Biella, la Fondazione Cassa di Risparmio, l’AD di Banca Sella, l’Unione Industriale Biellese, CCIAA Biella, Confindustria Piemonte, i rappresentanti politici biellesi, il Comitato dei pendolari - durante il quale a fronte delle richieste presentate dalla delegazione, la Regione Piemonte ha individuato il seguente ordine delle priorità:

  • realizzazione di una navetta da Biella a Santhià con servizio “no – stop” comportando l’eliminazione delle fermate intermedie;
  • elettrificazione della linea Biella–Santhià;
  • un intervento sui passaggi a livello della Biella–Novara al fine di garantire il corretto funzionamento della linea.

Nel giugno 2016 fu sottoscritto un protocollo tra Regione Piemonte, Provincia di Biella, Comune di Biella insieme a quello di Cossato, oltre che dagli attori principali del sistema del credito locale (Banca Sella, Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Biver Banca-Gruppo Cassa di Risparmio di Asti), insieme alla Camera di commercio di Biella e all’Unione Industriale Biellese sia per l’ammodernamento della Biella- Novara sia per l’elettrificazione della Biella- Santhià. Con questo protocollo i sottoscrittori si sono fatti carico dei costi legati agli studi sul miglioramento della Biella- Novara (che inizialmente includeva nell'elettrificazione anche il tratto Biella-Cossato, lasciato poi in sospeso per il problema di un tunnel) e alla progettazione dell’elettrificazione della Biella- Santhià.

A dicembre 2018 lo Stato ha finanziato i primi 5 mln per la realizzazione dei lavori di elettrificazione, confluiti nel bilancio della Regione.

Nel gennaio 2019 si è prospettato l’utilizzo della prima tranche di fondi per la soppressione dei 51 passaggi a livello, attività complementare all’elettrificazione della tratta. Nel 2020, tuttavia, non sono partiti né i lavori di soppressione dei passaggi e livello, né tantomeno l’elettrificazione della tratta.

L’intervento è fondamentale non solo per il trasporto passeggeri, ma anche per le merci visto il possibile collegamento con il centro intermodale di Novara Boschetto. Il risultato sarebbe la velocizzazione della tratta dagli attuali 90 km/h a 120 130 km/h su 40 km di linea con una riduzione del tempo di percorrenza dagli attuali 45 minuti a 35 minuti.

Costo dell'Opera

32.000.000

Dettaglio Costi

Finanziamenti disponibili

5.000.000

Dettaglio Finanziamenti

Nel 2018 sono stati reperiti 5 mln grazie a un emendamento presentato all’interno della legge di bilancio e, in seguito, i fondi sono confluiti nei bilanci della Regione. Restano da reperire e i restanti 27 mln.

Nel gennaio 2019 si è prospettato l’utilizzo della prima tranche di fondi per la soppressione dei passaggi a livello, attività complementare all’elettrificazione della tratta.

Criticità

Tecniche

L'intervento ha la necessità di essere rivisto dal punto vista geometrico e devono essere razionalizzati i passaggi a livello altrimenti non è possibile incrementare la velocità dagli attuali 90 km/h teorici (oggi ha una media di 60 km/h) a 100- 120km/h.